KLAMIDOSAURUS KINGI

 

CHE BELLO STARE AL SOLE...Il clamydosauro è un sauro originario delle zone semi desertiche dell’Australia.

Raggiunge da adulto i 90 - 100 cm. coda compresa, il maschio si riconosce dalla femmina, guardando la lunghezza del "clamide" che è piu lungo e vistoso nei maschi, per clamide si intende la corona che il sauro allarga per apparire piu grande e feroce, cosi da intimorire gli avversari.

Necessita di un terrario piuttosto grande: 120x60x80h sono le misure per un terrario comodo per una coppia di Clamydosauri adulti. L’arredamento può essere costituito da radici di mangrovia fossile, per dare la possibilità di arrampicarsi, lo fanno molto volentieri, restando aggrappati ai rami per ore a crogiolarsi sotto il calore delle lampade. Il fondo può essere costituito da diversi materiali, ma assolutamente no sassolini da acquario, ghiaia, ghiaino, sabbia, segatura ecc, sono indicati invece, il classico tappetino di finta erba, il truciolato di corteccia di pino, i vari sub strati forestali per rettili che ci sono in commercio, (repti floor, repti barck, repti umus, tutto reperibile presso di noi). Per i più esigenti, che vogliono un ambiente tipo deserto, consiglio di non utilizzare sabbia vera del deserto e non, che potrebbero causare pericolose occlusioni intestinali, ma di usare del materiale molto simile alla sabbia che si chiama "grit", non è altro che un macinato fine di gusci di molluschi, che essendo di origine animale può essere digerito e defecato in caso di ingestione.

E QUESTO QUA COSA VUOLE...Una ciotola contenente dell’acqua va posta nel terrario, molti diranno che è inutile dato che i Clamydosauri si dissetano dalle goccioline che cadono dai vetri e dall’ arredamento, ma i miei col tempo hanno imparato a dissetarsi dalla ciotola di acqua fresca, senza disprezzare una buona annaffiata una volta al giorno. E' una buona soluzione fornire il terrario con una cascata vera, che deve essere molto robusta, e facile da pulire.

Il terrario deve essere fornito di luci di tipo spot per il riscaldamento, ed un neon u.v.b.per evitare forme di rachitismo ed avitaminosi non chè osteoporosi dovute da mancanza di luci solari.I wattaggi per un terrario come quello descritto sopra sono 150w per lo spot bianco uva,18-20w per il neon uvb. Presso di noi potrai trovare le migliori marche in commercio e degli ottimi consigli.

Di giorno la temperatura deve essere intorno ai 30c nella zona piu’ fresca e di notte può scendere fino ai 20-22c, media il tasso di umidità.

Il Clamydosauro è un animale insettivoro, in natura mangia anche piccoli sauri e geki, in cattività gli somministreremo grilli, locuste, blatte, caimani, camole e tutto quello che riusciamo a reperire. Potrete anche offrirgli nascite di topo e geki da pasto, ma non è necessario, é inportante invece spolverare gli insetti con abbondante calcio ed adeguate vitamine, il tutto in polvere.... IL POSTO E' MIO VATTENE !!!

Allevare una coppia non comporta grosse difficoltà di convivenza, lo stesso si può dire per piu’ femmine ed un solo maschio, se nel terrario ci sono piu’ maschi allora i problemi arrivano al punto da rendere inpossibile la convivenza. Io personalmente ho allevato, nello stesso terrario, anche anfibolurus (pogona vitticeps) phisignato (phisignatus cocincinus) e basilischi (basilisco plumifrons b. vittato) purche tutti piu’ o meno delle stesse dimensioni, e senza sovrappopolare il terrario, anche per questioni di igene.

I Clamydosauri sono docili se allevati da piccoli, se acquistati già adulti accertatevi del loro carattere, possono mordere e fare male. Sono animali poco commerciali e poco conosciuti, anche per il loro prezzo elevato, ma rimangono splendidi ed affascinanti non che docili animali, capaci di darvi delle notevoli soddisfazioni, anche per gli spettacoli che creano con il petto in fuori ed il clamide spalancato, con una colorazione di tipo "lavico" da vero dragone (drago dal collare australiano).

Precedente Home Su Successiva