Termometri, Termoigrometri, Termostati, Termostati-temporizzati:

Termostato 300Watt MicroclimatePer il benessere del nostro animale per rendere il terrario il più autonomo possibile e per sicurezza è utile attrezzare il nostro terrario con una serie di strumenti di misurazione ecc. di diverso tipo, che il mercato ci mette a disposizione.

Ci occuperemo, per primi, dei più semplici ed indispensabili via via passando a quelli più sofisticati che ci permetteranno di comandare e controllare tutta una serie di situazioni all’interno del nostro terrario.

Appena acquistato un terrario è necessario attrezzarlo, per primo, con un termometro che ci permetterà di sapere che temperatura c’è all’ interno del terrario, ancora meglio se oltre al termometro vi è anche un igrometro che ci indica la percentuale di umidità, cosa molto importante per tutta una serie di animali, che provengono da zone molto umide.

In commercio si trovano sia termometri che igrometri, anche termo-igrometri, sia meccanici che digitali, i primi più economici dei secondi ma anche meno precisi, i digitali ci permettono, in alcuni modelli, di memorizzare i dati minimi e massimi registrati nel corso di un certo tempo, e di sapere dati interni o esterni al terrario.

I termometri o le sonde dei digitali, vanno posizionati lontani da fonti di calore, nella parte più fredda del terrario, mentre per gli igrometri non dovremo mai nebulizzare acqua vicino ai sensori o alla sonda, per evitare di mandarli a fondo scala.

Altro strumento molto utile è il temporizzatore, che ci permette in nostra assenza di comandare uno o più accessori con le più diverse funzioni.

Ad esempio ci permette di accendere le luci o di spegnerle ad un ora prestabilita, o di comandare l’accensione di un riscaldamento ad una certa ora ecc.

Per comandare il riscaldamento, comunque, è più indicato un termostato che ci permette di comandarne l’accensione ad una certa temperatura. Ci sono anche dei termo-temporizzatori che uniscono i vantaggi dei termostati a quelli dei temporizzatori e cioè di comandare una accensione o uno spegnimento di un riscaldamento ad una certa temperatura ma solo ad una certa ora, impostata precedentemente.

In commercio troviamo diversi tipi di termostati e di termo-temporizzatori:

il primo, il più semplice ed economico è un termostato nato per gli acquari che dovrebbe lavorare in acqua, ma se non pretendiamo una certa precisione, possiamo utilizzarlo anche in terrario, con uno scarto di 2-3 gradi.

Un termostato invece più sofisticato ma anche più costoso è di tipo meccanico nato per i terrari, di fabbricazione inglese, con una sonda da posizionare nel terrario e un comando esterno, con uno scarto di 1-1/2 grado. E’ uno strumento che personalmente utilizzo anche per termostatare incubatrici casalinghe con temperature fisse.

Come termostato temporizzato consiglio un solo modello, digitale di fabricazione tedesca, nato per temperature civili è ottimo anche in terrariofilia, composto da una scatola di comando che si collega direttamente alla spina di corrente è corredato di una sonda che si posiziona nel terrario e funziona a batteria, lo scarto è di 1-1/2 grado con un costo simile a quello di fabbricazione inglese. Anche questo è utilizzato, con successo, per termostatare le incubatrici casalinghe con esigenze di temperature oscillanti da un orario ad un altro.

Termostato Giorno NottePer quel che riguarda i termostati con escursione termica automatica ci sono tre modelli uguali con tre livelli di escursione, 5-8 e10 gradi, anche questi di fabbricazione tedesca con un costo relativamente alto, nati per la botanica sono molto precisi e utilizzabilissimi nei terrari, sono corredati di sonda da posizionare nel terrario e di una scatola di comando esterna, escursione termica è automatica ed avviene di notte infatti la scatola di comando è corredata di un sensore che imposta le funzioni notturne. Si tratta di uno strumento meccanico che attinge l’energia direttamente dalla linea di corrente, quindi non necessita di batterie.

Vi ricordiamo che presso di noi potrete trovare tutti gli strumenti qui descritti e molto altro ancora.